Rivalutazione monetaria: quanto valgono oggi pensione e busta paga di ieri

Scritto da Redazione il 20 marzo 2019

Rivalutazione monetaria: quanto valgono oggi pensione e busta paga di ieri

Qual è il valore attuale della macchina acquistata trent’anni fa, del gelato che mangiavamo da piccoli o dello stipendio percepito all’inizio della carriera lavorativa o della pensione di nostro nonno? È una curiosità perfettamente naturale.

Perché pensare alla rivalutazione monetaria?

Normalmente l’esigenza di sapere quanto vale al livello dei prezzi attuale una somma di qualche anno fa nasce da esigenze legali o amministrative: ad esempio per calcolare l’importo aggiornato di un risarcimento. Ma anche la semplice curiosità può spingere a domandarsi a cosa equivalgono la casa o l’auto acquistate tanto tempo fa, o la retribuzione di un lavoro del passato.

Come si calcola la rivalutazione monetaria

La rivalutazione è calcolata in base all’indice dei prezzi al consumo. In Italia ne esistono tre: il Nic, che riguarda l’intera collettività, il Foi (famiglie di operai e impiegati) e l’Ipca, l’indice calcolato con i criteri europei. Per maggiori dettagli si può consultare questa pagina sul sito dell’Istat; comunque la differenza tra i tre indici è limitata. Il Foi è il più antico ed è quello usato per la rivalutazione, nella versione al netto dei tabacchi. L’incremento dell’indice ci segnala la crescita del livello generale dei prezzi: dunque se il prezzo di una determinata categoria di beni (ad esempio i pc), dopo la rivalutazione, risulta più alto di quello attuale, vuol dire che il prezzo di quei prodotti è effettivamente diminuito rispetto al periodo preso in considerazione.

Calcola subito la rivalutazione monetaria

Con il calcolatore di irpef.info la rivalutazione monetaria si può calcolare in modo facile e intuitivo sia rispetto ai valori espressi in lire sia a quelli in euro, dal 2002 in poi.

Come usare il calcolatore sulla rivalutazione monetaria

Importo. Va inserita la somma da rivalutare. La cifra può essere digitata con o senza puntini di separazione per le migliaia.

Lire o euro. Come è noto l’euro è la moneta in circolazione in Italia a partire dal 2002. Dunque per rivalutazioni precedenti a questa data bisogna scegliere le lire, mentre per quelle relative agli anni più recenti va indicato l’euro. Il programma esegue automaticamente la conversione in caso di scelte incoerenti con questo criterio.

Mese e anno. L’Istat rende disponibili i coefficienti per il calcolo mensile a partire dal 1947, mentre per gli anni precedenti (dal 1861 in poi) esistono solo coefficienti annuali. Di conseguenza per le rivalutazioni che riguardano anni anteriori al 1947 il risultato è lo stesso qualsiasi sia il mese inserito.

Livello dei prezzi. Questo numero esplicita il coefficiente di rivalutazione: indica quindi di quante volte è cresciuto l’indice dei prezzi al consumo rispetto alla data scelta. I coefficienti sono normalmente aggiornati a mano a mano che l’Istat li rende disponibili. L’ultimo aggiornamento è relativo all’indice di aprile 2011. I coefficienti annuali sono invece aggiornati al 2010.

Lire "teoriche". Quando la rivalutazione riguarda un anno anteriore al 2002, per comodità dell’utente è disponibile anche il valore in lire dell’importo rivalutato. Si tratta però di una unità puramente teorica, perché la lira come valuta non esiste più dopo il 2001. Questa lira "teorica" non va confusa con il concetto mentale che noi abbiamo della vecchia moneta, che è appunto fermo ai prezzi del 2001.

Attenzione. la rivalutazione monetaria viene effettuata, come previsto dalla legge per quella legale, con l’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati diffuso dall’Istat, aggiornato a febbraio 2018

  • Tra il 1861 e il 1946 la rivalutazione si riferisce all’intero anno, mentre dal 1947 in poi è possibile effettuare il calcolo mese per mese.
  • È possibile scegliere se esprimere l’importo da rivalutare in lire o in euro; tuttavia gli importi espressi in lire e relativi ad un periodo successivo al 2001 (quando la lira non circolava più) sono automaticamente convertiti in euro, mentre al contrario gli importi in euro per anni precedenti al 2002 vengono convertiti in lire.

"I calcolatori presenti su Irpef.info hanno mero valore informativo e non hanno alcuna pretesa di carattere consulenziale"

Argomenti correlati:

Calcolatori fisco