HOME         CHI SIAMO         DITE DI NOI        AVVERTENZE         CONTATTI

La tua pensione recupera gli aumenti arretrati?

La sentenza 70/2015 della Corte costituzionale ha dichiarato illegittima la norma del cosiddetto decreto salva-Italia che bloccava per due anni la rivalutazione delle pensioni superiori a tre volte il trattamento minimo Inps, cioè a 1.405 euro lordi al mese nel 2011. Verifica quanto recupererai con l'applicazione del decreto 65 approvato dal governo.

QUANTO TI SPETTA PER LA RIVALUTAZIONE 2012-13

Pensione mensile lorda    Inserire l'importo della pensione lorda mensile del 2011, oppure del 2012 se la pensione ha iniziato a decorrere in quell'anno

Arretrati netti teorici con legge 388/00    Questo è l'importo degli arretrati che sarebbero dovuti calcolando, da gennaio 2012 a luglio 2015, la differenza tra la pensione netta in base al decreto salva-Italia e quella derivante dalla sua abrogazione

Arretrati cui si ha diritto con decreto 65/15: lordi     netti Questi sono gli importi, lordi e netti, degli arretrati che saranno riconosciuti per il periodo da gennaio 2012 a luglio 2015 in base al decreto 65/2015 approvato dal governo
Pensione mensile 2015 con legge 214/11: lorda    netta Questi sono gli importi, lordo e netto, della pensione mensile 2015 in base alla rivalutazione (o mancata rivalutazione) prevista per gli anni 2012 e 2013 dal decreto salva-Italia (legge 214/2011)
Pensione mensile 2015 con decreto 65/15: lorda    netta Questi sono gli importi, lordo e netto, della pensione mensile 2015 in base alla rivalutazione prevista dal decreto 65/2015. L'adeguamento partirà da agosto insieme all'erogazione degli arretrati
Pensione mensile 2016 con decreto 65/15: lorda    netta Questi sono gli importi, lordo e netto, della pensione mensile 2016 in base alla rivalutazione prevista dal decreto 65/2015, in pagamento da gennaio

Attenzione. In questa pagina viene calcolato il rimborso netto dovuto per una pensione del 2011 (o del 2012 se la sua decorrenza è in quell'anno) in base al decreto legge 65/2015 che deve ripristinare l'adeguamento all'inflazione (perequazione) per gli anni 2012 e 2013, dopo la sentenza della Corte costituzionale con la quale è stato dichiarato illegittimo l'azzeramento della rivalutazione per i trattamenti superiori a tre volte il minimo Inps. La norma abrogata era inserita nell'articolo 24 comma 25 della legge 214 del 2011 (il cosiddetto decreto salva-Italia).
- Viene inoltre indicata la somma degli arretrati netti ipoteticamente dovuti al pensionato, se la perequazione fosse stata invece applicata integralmente, in base alla legge 388/2000. I rimborsi effettivi, riconosciuti solo alle pensioni tra tre e sei volte il minimo Inps (tra 1.405 e 2.810 euro mensili lordi ai valori 2011) non superano il 25-27 per cento della perequazione integrale e sono decrescenti al crescere dell'importo.
- Sono poi calcolati gli importi delle pensioni nel 2015 e nel 2016 in base al nuovo meccanismo di rivalutazione, che però opera in modo diverso per gli arretrati del biennio 2012-2013, per quelli del 2014-2015 e per le pensioni a regime dal primo settembre 2015 e dal primo gennaio 2016.
- Gli importi netti delle pensioni sono calcolati in base alle attuali aliquote e detrazioni Irpef, per un contribuente con reddito da pensione senza carichi familiari. Per le addizionali regionale e comunale è applicata un'aliquota media complessiva del 2,1 per cento. Gli arretrati teorici spettanti in base alla legge 388 rappresentano la somma delle pensioni nette ipoteticamente dovuti, mentre il rimborso che deriva dal decreto 65 ha il più favorevole trattamento fiscale proprio degli arretrati: aliquota media dei due anni precedenti.
- Le modalità di calcolo tengono conto oltre che del decreto 65 anche della circolare Inps del 25/06/2015. Dopo il pagamento degli arretrati da agosto 2015 gli importi delle pensioni sono adeguati in modo strutturale, e vengono poi ulteriormente incrementati dal gennaio 2016. Per il 2016 gli aumenti sono quelli dovuti al meccanismo di rivalutazione, con l'ipotesi di un'inflazione provvisoria 2015 allo 0,4 per cento.

Per ulteriori chiarimenti o per segnalare anomalie, consulta la pagina dei Contatti.

iubenda

Calcola
Trova risposte

Consulta

Sostieni Irpef.info
Le informazioni e i servizi offerti su questo sito sono a disposizione di tutti, gratuitamente e senza registrazione. Ma se vuoi contribuire all'esistenza di Irpef.info con una piccola donazione, anche di minimo importo, puoi farlo in modo sicuro con il pulsante qui sotto


Privacy Policy